Mozambico: mons. Pizziol (Vicenza) e mons. Pavanello (Rovigo) in visita alla diocesi di Beira, “comunione tra Chiese sorelle”

Un’esperienza di “comunione tra Chiese sorelle”. Così il vescovo di Vicenza, mons. Beniamino Pizziol, in un’intervista rilasciata al settimanale diocesano “La Voce dei Berici” sulla visita pastorale che ha compiuto nella missione nella diocesi di Beira, in Mozambico, assieme al vescovo della diocesi di Adria-Rovigo, mons. Pierantonio Pavanello, e don Arrigo Grendele, direttore dell’Ufficio missionario. Sette giorni ricchi di incontri con i preti fidei donum, con i numerosi missionari vicentini presenti in quelle terre e con la gente del posto. “Desidero esprimere tutta la mia gratitudine al vescovo di Beira, mons. Claudio Dalla Zuanna, per l’accoglienza fraterna, per la condivisione delle gioie e delle fatiche della sua diocesi, a lui affidata oramai da tre anni”, afferma mons. Pizziol. Gli incontri sono stati quotidiani, “per dialogare insieme, per conoscere la realtà missionaria di Gorongosa distante più di 200 km da Beira, per riflettere insieme a una ventina di preti diocesani sull’esortazione apostolica di Papa Francesco, Amoris Laetitia”. In particolare, con i preti fidei donum “abbiamo riservato molto tempo all’ascolto, al dialogo e alla progettazione futura, tra noi vescovi di Adria-Rovigo, Vicenza, con don Grendele e i tre preti fidei donum (don Giuseppe, don Maurizio e don Davide)”. “Abbiamo insistito molto sulla condivisione tra le due diocesi e sulla fraternità tra preti, differenti per storia personale, per età, per carattere”, conclude il vescovo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa