Migranti: nave Diciotti, organizzazioni umanitarie presenti a Trapani chiedono sbarco urgente

“Le organizzazioni umanitarie presenti al molo di Trapani (Intersos, Medici senza frontiere, Oim, Save the Children, Unicef e Unhcr) esprimono profonda preoccupazione per il ritardo protratto nello sbarco di 67 persone presenti sulla Nave della Guardia Costiera Diciotti”. È quanto si legge in una nota congiunta delle organizzazioni umanitarie, diffusa poco fa.
“I rifugiati e migranti, fra i quali donne, bambini e adolescenti, sono in mare da almeno quattro giorni, essendo state soccorse dal rimorchiatore Vos Thalassa il 8 luglio scorso, trasferite sulla nave Diciotti il giorno successivo e fatte arrivare a Trapani solo alle 15 di oggi. Nonostante ciò non è stato ancora autorizzato lo sbarco”, prosegue la nota, con la quale le Ong e le agenzie delle Nazioni Unite “richiedono alle autorità l’attivazione urgente di una primissima assistenza sociosanitaria, l’autorizzazione allo sbarco per tutte le persone a bordo, a partire dai minori e persone vulnerabili, e l’erogazione per tutte le persone a bordo di generi di prima necessità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa