Diocesi: Terni, mons. Giuseppe Piemontese al nuovo sindaco Leonardo Latini, “la città ha bisogno di prospettive nuove”

“Terni ha bisogno di prospettive nuove, alte; di idealità civili, culturali, sociali e spirituali che aiutino i cittadini ad un balzo di benessere il più vasto possibile. Tutta la comunità ha bisogno di sogni e di speranze”. È quanto scrive mons. Giuseppe Piemontese, vescovo di Terni-Narni-Amelia, al neoeletto sindaco di Terni Leonardo Latini. Nel suo messaggio di auguri, mons. Piemontese ricorda che “il sindaco è colui che rappresenta l’intera città nelle sue varie componenti, è al servizio del bene comune, privilegiando coloro che vivono in condizioni sfortunate e disagevoli”. Il vescovo di Terni auspica che “il sindaco, aiutato dalla giunta e dall’intero consiglio, sia suggeritore e catalizzatore di un progetto di progresso civile proveniente da tutti coloro che vogliono bene alla città e ai suoi cittadini”. “Non sia abbiano remore – aggiunge mons. Piemontese – a valorizzare il bene seminato nel passato, e a osare programmi arditi innovativi a beneficio di tutti. I  cittadini sono tutti uguali e a tutti vanno riconosciuti i diritti civici. Ma quelli più poveri e che vivono in condizioni di maggiore disagio, abbiano maggiori cure e attenzioni”. Il vescovo di Terni auspica che “i giovani abbiano un posto di riguardo nelle preoccupazioni dell’amministrazione in riferimento alla loro formazione e al lavoro”. “La Chiesa e i cristiani – conclude – si dichiarano disponibili a collaborare con le istituzioni per promuovere il bene della cara Terni in questi tempi di grave crisi economica, istituzionale e morale”. Invocando la benedizione del patrono san Valentino sul neoeletto sindaco e su tutta la città di Terni, mons. Piemontese esprime “fin da ora la comune riconoscenza per le fatiche, che dovrete fronteggiare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy