Macedonia: accordo su nome apre porte per adesione a Ue e Nato. Tusk ai premier greco e macedone, “avete reso possibile l’impossibile”

La notizia del raggiunto accordo tra Skopje e Atene sul nome della Macedonia che dovrebbe diventare “Repubblica Macedonia del Nord” è stata accolta con interesse in Europa, così pure ai vertici Nato e Onu, le organizzazioni internazionali che hanno contribuito a risolvere la questione. “Auguri di cuore ai premier Tsipras e Zaev”, ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, aggiungendo: “continuo a tenere le dita incrociate per voi. Avete fatto diventare possibile l’impossibile”. Le parole di Tusk si riferiscono al fatto che ora l’accordo dovrà essere prima ratificato dai rispettivi parlamenti mentre a Skopje ci sarà un referendum sulla questione in autunno. “L’accordo tra Atene e Skopje è un successo storico e atto di grande coraggio che andrà a beneficio di ambedue le parti e dell’intera regione come anche di tutta l’Europa”, si legge nel comunicato firmato dall’Alto rappresentante per gli affari esteri dell’Ue Federica Mogherini e dall’eurocommissario per l’allargamento Johannes Hahn. “Il processo delle negoziazioni, sotto l’egida dell’Onu e con il forte sostegno dell’Ue, è una chiara prova della forza del dialogo per trovare soluzioni vincenti per tutti anche nei casi più difficili”. “Aspettiamo a giugno che il Consiglio Ue approvi le nostre raccomandazioni di aprire i negoziati con la Macedonia come segno della piena implementazione dell’accordo”. Anche il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha affermato: “Una volta finalizzato, l’accordo rimetterà Skopje sul suo cammino verso l’adesione alla Nato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa