Paolo VI: mons. Delpini, “ci ha insegnato a essere cristiani in questo e per questo tempo”. Mons. Giuliodori, un “santo in dialogo con la modernità”

(Milano) “Una visione della vita ispirata al vangelo” e “una concezione cristiana della storia”: sono due delle “caratteristiche” di Giovanni Battista Montini, prima arcivescovo di Milano (1954-1963), poi pontefice (1963-1978), richiamate da mons. Mario Delpini, successore di Montini sulla cattedra di Ambrogio, al convegno in corso a Milano su “Paolo VI e il vangelo nel mondo contemporaneo”. Il beato Montini, “del quale siamo in attesa della canonizzazione”, ha affermato l’arcivescovo di Milano Delpini, “ci ha insegnato a essere cristiani in questo tempo e per questo tempo” e “discepoli che si lasciano condurre dallo Spirito e dal vangelo ad essere testimoni” credibili “nella prospettiva della comunione dei santi”. Anche mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale della Università Cattolica, ha parlato di “prossima e auspicata” canonizzazione di Paolo VI, un “santo in dialogo con la modernità”, che “ha insistito sempre sul primario rapporto tra evangelizzazione ed educazione”, “maestro e testimone”, “attento a formare le coscienze e a educare menti e cuori” per un vangelo al passo con i tempi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo