Università: Santoro (vicepresidente Fuci), “la nostra generazione deve avere la capacità di rigenerarsi, cioè reinventarsi, ascoltarsi e orientarsi”

La generazione degli universitari “deve avere la capacità di rigenerarsi, nel senso di reinventarsi, di ascoltarsi e di orientarsi”. Ne è convinto Luigi Santoro, vicepresidente Fuci, che così si esprime in un’intervista pubblicata sul sito web de “L’Avvenire di Calabria”, settimanale dell’arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova. A margine del 67° Congresso nazionale della Fuci, svoltosi nei giorni scorsi nel capoluogo calabro, Santoro racconta la sua esperienza di fucino: “Far parte di un gruppo è un’esigenza naturale per qualsiasi giovane. Il fatto di far parte di un gruppo all’interno dell’Università che ti permette di integrare approfondimento culturale e spirituale è fondamentale per uno studente”. “Ti aiuta a sentirti meno disorientato in Ateneo e a crescere – spiega – anche nelle dinamiche tipiche delle comunità dove è necessario coordinarsi e collaborare, a prescindere da legami di amicizia esistenti in precedenza”. “Nell’anno in cui la Chiesa tutta si sofferma a riflettere su una tematica così importante come ‘I giovani, la fede e il discernimento vocazionale’ – osserva – noi, giovani studenti universitari, dobbiamo essere i primi a porci in ragionamento diventando soggetto oltre che oggetto del tema”. “Abbiamo cercato di restringere il range delineato da Papa Francesco (19-30 anni) alla fascia compresa tra i 20 e i 25 anni circa, che vive un ambiente particolare ogni giorno: l’Università”, aggiunge, rilevando che “cosa significa essere universitari oggi è la domanda da cui siamo partiti”. Per Santoro, “perdere l’identità è spesso molto facile in una società dove si è obbligatoriamente iperconnessi, ma dove non ci si ascolta abbastanza”. “L’altro – prosegue – diventa qualcosa di estraneo nonostante sia seduto accanto a noi ogni giorno tra i banchi dell’Università”. “Crediamo che approfondire questo tema – conclude il vicepresidente della Fuci – sia il primo modo per trovare e costruire nuove modalità per vivere questo luogo a noi tanto caro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo