This content is available in English

Germania: Sternberg (Zdk), “rispettare differenze di origine, stile di vita e religione”. Da domani il Katholikentag

Thomas Sternberg, presidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (Zdk)

All’inizio dell’assemblea plenaria del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (Zdk), a un giorno dell’apertura del 101° Katholikentag che prenderà il via domani a Münster, il presidente della Zdk, Thomas Sternberg, ha chiesto una “coesione di religioni e culture” in Germania. Ha indicato “rispetto, fiducia e reciproco riconoscimento” come prerequisiti fondamentali per la convivenza pacifica. “Le differenze di origine, stile di vita e confessione religiosa dovrebbero essere ovvie e rispettate da tutti”. Per Sternberg “questo è il modo di vivere insieme per noi cristiani”. “All’inizio del 101° Katholikentag della Chiesa cattolica tedesca, la Zdk si oppone chiaramente a qualsiasi forma di esclusione, razzismo e xenofobia e disabilità”. La sessione plenaria del Comitato centrale, riunita da oggi a Münster, vuole esprimere questi concetti nel “Münster manifesto”, come sarà intitolato il documento finale. Vi si fa riferimento indiretto ma critico alle posizioni del partito xenofobo Afd. Alla vigilia del Katholikentag, ci sono state critiche sul fatto che gli organizzatori abbiano invitato a un dibattito il portavoce degli affari religiosi dell’Afd al Bundestag. In una dichiarazione pubblica, alcuni teologi cattolici avevano chiesto di annullare il dibattito. Ma Sternberg ha sempre difeso l’invito, ribadendo al contempo le forti critiche all’Afd, soprattutto in considerazione delle impostazioni politiche incompatibili, a suo avviso, con la fede cristiana.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo