Politica: Mattarella, “per sconfiggere intolleranza e paura dobbiamo tenere alta la sensibilità democratica”

(Foto: Quirinale)

“Per sconfiggere chi intende seminare ancora intolleranza e paura, dobbiamo tenere alta la comune sensibilità democratica e restare fedeli ai principi che ispirano la nostra convivenza”. È quanto afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 44° anniversario della strage di piazza della Loggia, a Brescia. “La terribile strage del 28 maggio 1974 ha lasciato un segno profondo nella storia della Repubblica”, rileva il Capo dello Stato. “Oggi, nel giorno dell’anniversario – aggiunge – desidero esprimere i miei sentimenti di solidarietà e vicinanza ai familiari delle vittime innocenti, ai loro amici e compagni di lavoro, a tutti coloro che sono stati capaci – sin dal momento dell’attentato e poi nel corso degli anni, instancabilmente – di una grande reazione civica, grazie alla quale la democrazia è stata capace di sconfiggere le forze e i progetti eversivi”. “Brescia è stata ferita, straziata dal dolore” ma “ha saputo divenire esempio per tutta la comunità nazionale: ai terroristi che volevano colpire la convivenza, le istituzioni, la libertà politica e sindacale, ha risposto con l’unità della sua gente, cercando tenacemente la verità e le responsabilità, conservando la fiducia in quella partecipazione democratica che gli eversori di matrice neofascista volevano indebolire”. “Ricordando come “è stato lungo, e faticoso, il cammino della giustizia”, Mattarella evidenzia che “ora la memoria dei fatti di Brescia, che si legano alla catena del terrore di quegli anni, sollecita tutti noi a rafforzare sempre più la nostra cultura democratica, a costruire insieme il bene comune, a trasmettere alle nuove generazioni i valori di una civiltà che rispetta la libertà e le differenze”. “La minaccia della violenza – prosegue – non è stata cancellata nella nostra comunità. Siamo tutti testimoni di come possa assumere forme e modalità nuove, nel perseguimento di uno stesso obiettivo: colpire la dignità delle persone e il loro libero arbitrio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy