Papa Francesco: “preoccupato per disequilibri nel mondo. Far entrare logica Vangelo nel pensiero e nei gesti dei governanti”

“Il vero compito della Chiesa non è far cambiare i governi ma far entrare la logica del Vangelo nel pensiero e nei gesti dei governanti”: lo ricorda Papa Francesco, in una intervista uscita oggi su “L’Eco di Bergamo”, dicendosi preoccupato per “i disequilibri” nel mondo “sempre legati ad uno sconsiderato sfruttamento degli uomini e delle risorse della natura”. “Bisogna far capire – sottolinea – che la stessa pace non va legata all’assenza di guerra, piuttosto va legata allo sviluppo integrale delle persone e dei popoli: bisogna comprendere che l’impegno per i gruppi sociali e gli Stati è vivere rapporti di giustizia e di solidarietà che non possono essere solo parole”. Papa Giovanni XXIII, precisa, “ci ha ricordato proprio questo, e cioè che non c’è alcuna armonia, alcun ordine vero se non si lavora per una società più giusta, più solidale. E questo richiede il superamento da parte di tutti di ogni forma di egoismo, individualismo, interesse di gruppo, a qualunque livello”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa