Migrazioni: Mattarella, “fenomeno di portata storica, che va governato da Africa ed Europa insieme, con lungimiranza e spirito di responsabilità”

Quello delle migrazioni è “un fenomeno di portata storica, che va governato da Africa ed Europa insieme, con lungimiranza e spirito di responsabilità, e che ci ha sinora visto in prima linea, a sostegno di un approccio volto a sconfiggere le cause profonde di questa tragedia e a tutela della vita e della dignità dei migranti”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio in occasione del 55° anniversario della costituzione dell’Organizzazione dell’Unità Africana, oggi Unione Africana. Mattarella ricorda che la ricorrenza “coincide quest’anno con il 100° anniversario della nascita di un grande, indimenticato leader, Nelson Mandela” la cui vita “è divenuta emblema delle speranze e sfide dell’Africa tutta”. “La sua eredità politica – aggiunge il presidente – trascende le vicende africane e assume, in un’epoca segnata dalla marcata interdipendenza tra i nostri continenti, rilevante importanza per l’Europa e l’Italia”. Nelle “sfide che Africa e Italia condividono”, osserva Mattarella, “prevalgono l’impegno per lo sviluppo sostenibile; la necessità di investimenti produttivi, anche in termini di formazione; il governo delle migrazioni; il contrasto ai mutamenti climatici; la lotta all’estremismo, alla criminalità organizzata e al traffico di esseri umani”. “Ciò che rimane immutato” rispetto a 55 anni fa “è – prosegue il Capo dello Stato – la necessità di creare e promuovere sempre più ampi e approfonditi spazi di collaborazione, paritaria e strategica, tra Africa ed Europa”. “L’Italia – assicura – crede a questa collaborazione”: “Lo ha dimostrato l’intensificazione senza precedenti delle occasioni di dialogo politico, l’aumento qualitativo delle iniziative di cooperazione, la spinta agli investimenti nel continente africano e il rafforzamento dell’impegno delle società civili, delle Organizzazioni non governative, dei missionari religiosi e dei volontari”. “Lo dimostra, fra l’altro, l’impegno dell’Italia sul fronte delle migrazioni” sottolinea Mattarella per il quale l’odierna circostanza “offre l’occasione di effettuare un bilancio del percorso fatto insieme, e di riflettere sui necessari passi in avanti da compiere sulla strada di condivisione di valori e principi nel nome del progresso dell’Africa, dell’Europa e dell’Italia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa