Scontri a Gaza: p. Patton (Custodia Terra Santa), “sosteniamo la soluzione di due popoli, due Stati”

“Due popoli, due Stati è la soluzione che la comunità internazionale porta avanti e che come Chiesa sosteniamo ancora. Nella politica e nella diplomazia nulla sorge e tramonta in forma definitiva. Andare verso questa direzione dipenderà molto dalle spinte internazionali”. Lo dice al Sir il Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton, prima della veglia di preghiera per la pace a Gaza e in Medio Oriente, che si svolgerà oggi a Gerusalemme. “Siamo vicini ai cristiani di Gaza che, nonostante il loro piccolo numero, portano avanti una grande missione”. Il Custode sa che “siamo una presenza minima, messa a dura prova nella vita quotidiana, che cerca di essere un segno di speranza”. Ma “i cristiani favoriscono la pace se riescono a mantenere solida la posizione cristiana che rifiuta sempre e comunque la violenza e cerca costantemente il dialogo anche davanti a spiragli minimi”. A loro spetta il “compito” di essere “seme di presenza pacifica e di dialogo con tutti, nessuno escluso”. Per fare ciò è necessaria “la formazione cristiana per aiutare i nostri fedeli a non cadere nella tentazione di cercare altre vie che non siano quelle dell’incontro e del dialogo”. L’invito è quello a “resistere alla tentazione di cercare scorciatoie violente per risolvere i problemi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy