Acqua: Anbi, con la buona gestione delle risorse idriche migliaia di posti di lavoro

Dalla disponibilità d’acqua irrigua dipende l’84% del Made in Italy agroalimentare, che dà lavoro a tre milioni e 300mila persone, cioè circa il 13% degli occupati nel nostro Paese. Mentre un ettaro irrigato vale mediamente 13.500 euro in più rispetto ad uno non irrigato; per alcune coltivazioni, come quelle orticole, tale incremento raggiunge addirittura l’82%. Sono alcuni dei numeri che fanno capire l’importanza della corretta gestione dell’acqua di irrigazione in Italia che l’Anbi (Associazione nazionale dei Consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue), ha diffuso in occasione dell’inizio imminente della Settimana nazionale della bonifica e dell’irrigazione.
Sempre Anbi ha quindi ricordato che “l’attuazione di un Piano straordinario di manutenzione del territorio dal punto di vista idrico potrebbe dare vita ad oltre 50.000 nuovi posti di lavoro”. Nel corso della Settimana i Consorzi di bonifica “aprono le porte” al territorio con centinaia di iniziative (visite guidate, concorsi scolastici, contest artistici, convegni, manifestazioni sportive, passeggiate, biciclettate, concerti…) lungo tutta la Penisola. Anbi fa notare, in particolare, la presenza dell’iniziativa “Terrevolute – 1°Festival della bonifica” che animerà il territorio di San Donà di Piave: uno dei luoghi simbolo dell’irrigazione e della bonifica italiane.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia