Salute: Accolti.it, strutture cattoliche in rete per curare i più fragili e gli ultimi. Open day il 13 ottobre

Riunire e rendere interattive le strutture cattoliche che accolgono i disabili per “confrontarsi, collaborare e, in scienza e coscienza, crescere insieme”. Ad illustrare Accolti.it, uno dei progetti pastorali che verranno presentati durante il XX convegno nazionale “Uno sguardo che cambia la realtà. La pastorale della salute tra visione e concretezza” che prende il via questo pomeriggio a Roma per iniziativa dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei (fino al 16 maggio), è questa mattina lo psichiatra Moreno Marchiafava. Il progetto – un portale con il sottotitolo “dalla segregazione all’accoglienza” – nasce come risposta ai ripetuti moniti del Papa contro la cultura dello scarto di cui sono soprattutto vittime “gli esseri umani più deboli e fragili” tra i quali i disabili gravi, ed è ispirato al “desiderio di prendersi cura, oltre che di curare, tutti coloro che rischiano di essere emarginati o, peggio, dimenticati”. Di qui il riferimento alle numerose realtà cattoliche disseminate nel nostro Paese, che da anni si occupano degli “ultimi” garantendo loro la dovuta assistenza, e l’idea di renderle “anelli della stessa catena” attraverso il portale Accolti.it. Alla base del progetto vi è la riabilitazione, “approccio terapeutico fondamentale dell’assistenza clinica e volto a restituire al soggetto le abilità necessarie per sopperire alle difficoltà che la propria condizione impone”. Obiettivo di Accolti.it, fornire quanto prima un’assistenza completa, tempestiva e funzionale, attraverso strutture e professionisti che operano sul territorio nazionale. E contro la cultura dell’emarginazione e dei pregiudizi , sabato 13 ottobre oltre cento strutture cattoliche di accoglienza e riabilitazione vivranno il loro OpenDay per permettere a tutti di conoscere il valore e la forza del concetto di accoglienza.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy