Papa Francesco: Regina Coeli, “avere i piedi per terra” per essere “cercatori di Cristo lungo i sentieri del nostro tempo”

“La missione affidata da Gesù agli Apostoli è proseguita attraverso i secoli, e prosegue ancora oggi: essa richiede la collaborazione di tutti noi”. Lo ha detto il Papa, durante il Regina Coeli di ieri, a cui hanno partecipato, secondo la Gendarmeria vaticana, 45mila persone. È il battesimo, ha spiegato Francesco, che “ci abilita e anche ci spinge ad essere missionari, ad annunciare il Vangelo”. “L’Ascensione del Signore al cielo, mentre inaugura una nuova forma di presenza di Gesù in mezzo a noi, ci chiede di avere occhi e cuore per incontrarlo, per servirlo e per testimoniarlo agli altri”, l’invito del Papa sulla scorta della festa liturgica di ieri: “Si tratta di essere uomini e donne dell’Ascensione, cioè cercatori di Cristo lungo i sentieri del nostro tempo, portando la sua parola di salvezza sino ai confini della terra”.
“In questo itinerario noi incontriamo Cristo stesso nei fratelli, soprattutto nei più poveri, in quelli che soffrono nella propria carne la dura e mortificante esperienza di vecchie e nuove povertà”, ha proseguito Francesco: “Come all’inizio Cristo Risorto inviò i suoi apostoli con la forza dello Spirito Santo, così oggi egli invia tutti noi, con la stessa forza, per porre segni concreti e visibili di speranza. Perché Gesù ci dà la speranza, se ne è andato in cielo e ha aperto le porte del cielo e la speranza che noi arriveremo lì”.
“Avere i piedi per terra e seminare con coraggio il Vangelo nelle situazioni concrete della vita e della storia”, l’appello finale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy