Lavoro: Eurostat, cala la disoccupazione in Europa. Situazioni problematiche in Grecia, Spagna e Italia

(Bruxelles) Cala ancora la disoccupazione nella zona euro (19 Stati che adottano la moneta unica): lo attesta Eurostat, spiegando che la percentuale di persone senza impiego “si è stabilita all’8,5 a febbraio 2018, mentre era all’8,6 il mese precedente e addirittura al 9,5% un anno fa”. Un tasso corrispondente non si verificava dal 2008, agli esordi della grande recessione. Nell’Ue28 il dato dei disoccupati è ancora più contenuto: 7,1%. In cifre assolute i disoccupati nell’Ue sono ora 17 milioni e 632mila. Nel solo mese di febbraio sono stati recuperati nell’Unione europea 201mila posti di lavoro. Le percentuali più basse di senza impiego sono nella Repubblica ceca (2,4%), in Germania e a Malta (3,5%) e Ungheria (3,7%). Le situazioni più difficili si riscontrano ancora in Grecia (20,8%), Spagna (16,1%), Italia (10,9%; era all’11,1% alla rilevazione precedente). I giovani under25 senza lavoro in Europa sono ora 3,5 milioni, con situazioni assai problematiche in Grecia (45% di giovani disoccupati), Spagna (35,5) e Italia (32,8%).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy