Pasqua: mons. Caiazzo (Matera-Irsina), “le donne cristiane immagine della Chiesa, Maestra e Madre”

“Le donne cristiane sanno di essere l’immagine della Chiesa, Maestra e Madre. Hanno dentro la forza della vita, che diventa bellezza infinita, quando insieme al maschio, mostra il volto di Dio”. Lo ha detto l’arcivescovo di Matera-Irsina, mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, in cattedrale a Matera, durante l’omelia che ha pronunciato nella Messa di Pasqua. Un testo incentrato sull’“incedere di donne che, avvolte nei loro veli, hanno sfidato il buio delle tenebre”. “Sono donne, guidate dalla Maddalena, che sfidano il dolore, l’ingiustizia della morte di una persona cara, qual era Gesù; sfidano il potere degli uomini, si recano, nonostante il buio, verso il sepolcro”, ha aggiunto l’arcivescovo. Mons. Caiazzo ha richiamato “eventi nella vita che sconquassano letteralmente l’esistenza di chi è costretto ad affrontarli e ad andare avanti”. “Non sempre si è capaci di reagire. A volte il dolore è così grande che ci si chiude nel buio interiore, come in un loculo e si rimane sepolti. Ormai tutto è finito, la vita non ha più senso”. Ma “le donne dei Vangeli sono capaci, nonostante il dolore sia ancora troppo vivo e la ferita aperta e sanguinante, di rianimarsi improvvisamente”. L’arcivescovo ha ricordato poi come “donne che vengono proposte come testimoni oculari” sia qualcosa “contro ogni logica del tempo: non sono credibili, perché la parola di una donna non è da prendere in considerazione, non è attendibile”. “La Risurrezione di Cristo ha aperto anche questo sepolcro, ridando valore e dignità proprio alle donne che diventano portatrici del più grande annuncio della storia: la Vita, Cristo, hanno vinto sulla morte”. Donne “vittime della legge degli uomini ma non di quella di Dio che ha riservato loro il più grande dono: il tesoro della vita”. Infine, l’augurio di mons. Caiazzo è di essere, come quelle donne, “testimoni veri, capaci di raccontare l’incontro con il Risorto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo