Avvenire: la prima pagina di domani 4 aprile. Consultazioni per il nuovo governo, dialogo tra Santa Sede e Cina, caso Fabo-Cappato

“Avvenire” dedica il suo titolo principale all’avvio delle consultazioni per la formazione del nuovo governo. Il presidente Mattarella, in una vigilia caratterizzata dai veti reciproci, invita a cercare di dare risposte concrete alle esigenze del Paese. In questa direzione va l’editoriale dell’economista Leonardo Becchetti, che si concentra sui mali dell’Italia politica e sulla possibile e necessaria cura. “Il primo male – scrive Becchetti – è la partigianeria politica. L’Italia è sempre stato, nel bene e nel male, il Paese dei campanili. Il secondo male è il livello medio di competenze: insufficiente. E questo, nel complesso, rende gli italiani inevitabilmente meno capaci di valutare la realizzabilità delle promesse delle varie forze politiche. Il terzo male è il virus della fuga dalla realtà. Il quarto male è il tatticismo esasperato delle forze politiche. Che pensano più al loro tornaconto elettorale che al bene del Paese. È possibile affrontare e guarire i grandi mali d’Italia, se ci impegniamo tutti per curarli. Ma è necessario accettare la dura realtà che alla soluzione si arriva lentamente, e non per miracolo”. E in risposta a un lettore, il direttore Marco Tarquinio rifiuta il dubbio che sia meglio restare senza un governo, come esperienze internazionali sembrano suggerire. A centro pagina una grande foto cronaca sul dialogo tra Santa Sede e Cina. Scrive lo storico Agostino Giovagnoli: “L’urgenza di annunciare in Cina la buona notizia della Resurrezione è stata espressa con forza dal vescovo ‘clandestino’ di Mindong, Guo Xijin, alla fine della Messa di Pasqua. Lo ha fatto dicendo ai cattolici cinesi che ‘noi siamo più passivi e prudenti rispetto ai protestanti, così la [nostra] fede non si è diffusa in modo veloce’. Era davanti a una piccola folla di bambini, dopo la celebrazione pasquale a Luojiang partecipata da centinaia di fedeli, per lo più di mezza età e anziani. Tra i motivi di eccessiva passività e prudenza c’è sicuramente anche il problema dei rapporti irrisolti tra Santa Sede e Governo cinese, che appesantisce questa Chiesa da quasi settant’anni”. Un altro titolo di rilievo per la decisione del governo di fare costituire davanti alla Consulta l’Avvocatura dello Stato in difesa della legge che punisce l’aiuto al suicidio nel caso Fabo-Cappato. Infine, richiami per la consueta pagina di storia di “Avvenire” che compie 50 anni e per un’inchiesta sui 4mila “invisibili” di Porto Recanati.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo