Papa al Divino Amore: Opera Don Orione, “San Luigi predisse nascita del santuario”

Il 1° maggio Papa Francesco si recherà in visita al santuario del Divino Amore a Roma, un luogo caro ai romani e a don Orione. Don Umberto Terenzi fondatore del santuario del Divino Amore, incontrò don Orione per la prima volta a 29 anni. L’Opera don Orione di Roma rende noti oggi alcuni documenti trovati nel suo archivio, che documentano il rapporto tra san Luigi Orione e don Terenzi. “Don Orione – scrive don Terenzi – al principio dell’Opera della Madonna, mi disse tutto quello che sarebbe avvenuto, ma non mi disse il tempo. Un orizzonte vasto di opere ancora più grandiose, anch’esse dette da don Orione, ma non tutte quella sera. Alcune cose già dette prima, altre dette dopo nei miei lunghi colloqui con lui fino al 1940, fino alla sera della sua morte, 12 marzo. Quanta confidenza con don Orione! E quanta riconoscenza a Dio. Egli, più che un padre spirituale, fu per me un profeta che mi prese per mano e mi accompagnò facendomi vedere l’orizzonte da lontano nel cammino del Divino Amore”. Racconta Don Terenzi: “Era quello il tempo in cui ricevevo molte pressioni da parte di non pochi amici autorevoli, di autorità per lasciare la vita parrocchiale e dedicarmi alla vita della Segreteria di Stato, della diplomazia, ecc., non ne ho avuto mai il minimo desiderio. Per cessare definitivamente questo tentennamento dei superiori verso la mia povera persona, domandai una sera a don Orione: vado contro la volontà di Dio rifiutando sempre ai superiori quello che mi vorrebbero far fare! No, no, lasciate che vadano altri, il vostro destino è al Divino Amore, dove sarete rettore, sarete parroco e farete tante opere! E sulla vostra tomba ne nasceranno molte di più di quelle che farete voi, anzi il vero sviluppo delle opere della Madonna del Divino Amore, sarà sulla vostra tomba!”. Nel 1933 don Orione ripete a don Terenzi che il santuario sarebbe diventato una cittadella: “Ho obiettato: Ma quando? Perché la Madonna tarda tanto? – Ha risposto: presto, molto presto, vedrete quel che sta per succedere al Divino Amore!”. E più avanti: “Avrete dei lasciti, farete tutto. Comprate più terreno che potrete, perché vedrete che succederà presto. Voi farete la città della Madonna del Divino Amore. Tra circa quindici anni, sì, ve lo dico, siatene certi, al Divino Amore ci sarà una città come Pompei, e verrà tanta, tanta gente alla Madonna”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy