Perù: vescovi ai leader del Vertice delle Americhe, priorità “l’adozione di misure concrete per prevenire, combattere e porre fine al flagello” della corruzione

“Salutiamo i leader che parteciperanno a questo ottavo Vertice delle Americhe, che tiene come mandato quello di affrontare, nell’attuale contesto che ci danneggia, temi come l’affrontare le conseguenze della corruzione dentro al sistema democratico, la governabilità e gli obiettivi dello sviluppo sostenibile adottati dalla comunità internazionale nell’Agenda 2030”. Il messaggio augurale è stato inviato dalla presidenza della Conferenza episcopale peruviana ai capi di Stato e alle delegazioni che parteciperanno alla Conferenza di tutti gli Stati americani, che si terrà a Lima domani, 13 aprile, e sabato. I vescovi fanno notare che il Vertice coincide con un momento cruciale nella vita civile e politica del Perù, nella quale “devono prevalere l’ordine democratico, così come un impegno particolare da parte di tutti i settori sociali, comprese le comunità religiose”. Da circa un mese l’ex vicepresidente Martín Alberto Vizcarra è diventato capo dello Stato al posto del dimissionario Pedro Paolo Kuczynski, indagato per fatti di corruzione.
Nel documento si insiste proprio sull’importanza della lotta alla corruzione, così come indicato dal Papa nella sua recente visita in Perù. In questo contesto, “i vescovi del Perù apprezzano il dialogo che si svilupperà su ciascuno dei temi all’ordine del giorno in questo Vertice, gli incontri tra la società civile e rappresentanti di governi, imprenditori, indigeni e giovani, dibattiti che senza dubbio contribuiranno all’adozione di misure concrete per prevenire, combattere e porre fine a questo flagello che minaccia la speranza e lo sviluppo delle popolazioni latinoamericane”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy