Funerali militare ad Augusta: mons. Marcianò (Omi), “ha obbedito a un ideale alto di servizio alla giustizia e alla pace”

“Andrea ha obbedito a un ideale alto di servizio alla giustizia e alla pace, credendo con forza che l’impegno per la difesa della vita, dell’ordine, dell’ambiente, del bene comune possa veramente cambiare il mondo e, come diceva Madre Teresa di Calcutta, lasciarlo migliore di come lo abbiamo trovato”. Lo ha detto l’arcivescovo ordinario militare per l’Italia (Omi), mons. Santo Marcianò, celebrando questa mattina ad Augusta i funerali di Andrea Fazio, il sottufficiale della marina morto lo scorso 5 aprile durante un’esercitazione in cui un elicottero SH 212 è caduto nel Mediterraneo. “Lo ha fatto – ha affermato l’arcivescovo castrense – nel suo compito quotidiano, nelle sue operazioni straordinarie e nelle missioni internazionali per la pace. Questo egli ci ha insegnato, vivendo il suo lavoro come servizio e morendo in servizio, in quel mare in cui tanti uomini e donne della Marina militare italiana sono veri angeli nel soccorso degli altri: di migranti, profughi, stranieri… rischiando la vita ogni giorno e soccorrendo prontamente tutti; spesso – ha concluso mons. Marcianò – non adeguatamente compresi ma sempre in obbedienza alla propria coscienza, anche in assenza di decisioni e collaborazioni internazionali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy