Divorziati risposati: il vescovo di Cesena-Sarsina, “l’esclusione dai sacramenti non costituisce motivo di separazione dalla Chiesa”

“Consapevole delle laceranti ferite che vi hanno toccato, desidero entrare in casa vostra, in punta di piedi, mettendomi in atteggiamento di ascolto e di dialogo”. Lo scrive mons. Douglas Regattieri, vescovo di Cesena-Sarsina, nella lettera agli sposi che vivono situazioni di separazione, di divorzio e di nuova unione, dal titolo “Le grazie del Signore non sono finite, non sono esaurite le sue misericordie”, pubblicata sul settimanale diocesano “Corriere Cesenate”. Per consentire un “colloquio” il presule in calce alla lettera ha segnato i propri “riferimenti telefonici e informatici”: “Sono disponibile a incontrarvi, conoscervi e dialogare con voi. Non abbiate paura a contattarmi”. “Sono stato sollecitato a scrivervi da Papa Francesco, dai due Sinodi sulla famiglia, dall’esortazione Amoris Laetitia e dalle tante situazioni di sofferenza legate a persone che, come voi, hanno celebrato il loro matrimonio in Chiesa e poi ne hanno sperimentato il fallimento e hanno iniziato un’altra convivenza stabile magari anche con il matrimonio civile”, aggiunge. Il vescovo sottolinea che “non siamo estranei”, “perché è la fede in Cristo che ci unisce e ci fa comunque sentire fratelli, appartenenti tutti alla stessa famiglia, la grande famiglia della Chiesa”. “L’esclusione dai sacramenti della Confessione e dell’Eucaristia non costituisce motivo di frattura, di separazione e di allontanamento – sottolinea mons. Regattieri -. Cristo vi ama, siete suoi figli. E la Chiesa pure vi ama”. Il vescovo chiede ai destinatari della lettera “perdono”, “se mai in passato vi fossero stati nei vostri confronti atteggiamenti di giudizio negativo, di critica preconcetta e di aperto rifiuto, o da parte di uomini di Chiesa o di altri”. “Io, vescovo e tutti i miei confratelli sacerdoti, siamo chiamati ad aiutarvi a vivere e maturare come membra vive della Chiesa. Sentendola come una madre che vi accoglie sempre, si prende cura di voi con affetto e vi incoraggia nel cammino della vita e del Vangelo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy