Comunicazione: Copercom, “verità, silenzio, fake news, giornalismo di pace” al centro del Comitato nazionale

foto SIR/Marco Calvarese

“Verità, silenzio, fake news, giornalismo di pace”. Saranno questi alcuni dei temi su cui rifletterà il Comitato nazionale del Copercom (Coordinamento delle associazioni per la comunicazione) il prossimo 16 aprile dalle 9.30 a Roma presso la sede della Conferenza episcopale italiana di via Aurelia 468. I presidenti e i delegati delle 29 associazioni aderenti al Copercom s’incontreranno e si confronteranno a partire dai contenuti del Messaggio di Papa Francesco per la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali (“‘La verità vi farà liberi’ (Gv 8,32). Fake news e giornalismo di pace”). A guidarli nella riflessione, Sergio Perugini e Emanuela Vinai, in rappresentanza dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, e la sociologa Donatella Pacelli, studiosa di processi comunicativi e presidente del Comitato “Media e minori” del Ministero dello Sviluppo economico.
“Questo incontro – spiega il presidente del Copercom, Massimiliano Padula – nasce dal desiderio di consolidare e riposizionare il nostro coordinamento in un’ottica del servizio e della creazione di rete. Anche per questo motivo abbiamo chiesto ai tre media della Cei (Avvenire, Tv2000 e Agenzia Sir) di essere presenti con un loro rappresentante”.
“Ad accompagnarci idealmente in questo percorso – nota Padula – sarà, poi, proprio Papa Francesco che ci sostiene donandoci continuamente strumenti per orientarci nel quotidiano del nostro servizio associativo. Ne sono esempio il suo Messaggio ma anche tutto il suo Magistero. Come la recente esortazione apostolica ‘Gaudete et Exsultate’ nella quale il Pontefice ci chiede di contribuire a rompere le logiche di una ‘società alienata, intrappolata in una trama politica, mediatica, economica, culturale e persino religiosa che ostacola l’autentico sviluppo umano e sociale'”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy