Politica: card. Ravasi, “necessario uno stemperamento, un vero e proprio recupero del dialogo”

“La speranza è che si possa ancora trovare un percorso di dialogo comune, perché tutta la situazione italiana possa avere una guida politica. Certo è che per fare questo è necessario, come ha ricordato ieri il presidente Mattarella, passare attraverso uno stemperamento, un vero e proprio recupero del dialogo che significa avere due discorsi diversi tra di loro che riescono ad ascoltarsi prima ancora che trovare una base comune”. Lo ha affermato questa mattina il card. Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della cultura (Pcc), rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della consegna a due giovani migranti africani ospiti della cooperativa “Auxilium” a Castelnuovo di Porto, delle canottiere dell’Athletica Vaticana, la squadra di podismo per la quale a breve verranno tesserati. Sottolineando che “tutti i momenti di incertezza sono sempre problematici e lasciano delle tracce all’interno della società”, il card. Ravasi ha ricordato che “la tradizione italiana ha attraversato molte situazioni difficili ed è sempre riuscita a risolverle”. “Il problema delle forme di populismo che attraversa tutta l’Europa – ha aggiunto – è un fenomeno sociale molto complesso e, per certi aspetti, molto drammatico perché rappresenta il rigetto. E rappresenta anche una realtà che è vera: la paura che hanno alcuni e che non dev’essere cavalcata ma eventualmente governata e, per molti aspetti, superata”. “La visione cristiana – ha concluso il cardinale – è quella dell’incontro dei popoli, cercando il più possibile di far sì che esista questo incrocio fra popoli, culture, diversità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy