Diocesi: Aversa, “nessuna indagine a carico del vescovo Spinillo”

“In merito alle notizie pubblicate in questi giorni con incalzante successione su diversi organi di comunicazione, la Curia diocesana di Aversa precisa che il vescovo Angelo Spinillo non è indagato né ha ricevuto alcun avviso di garanzia”. È quanto si legge in una nota diffusa dalla diocesi campana dopo la pubblicazione di indiscrezioni giornalistiche su presunte conseguenze che sarebbero ricadute sul presule, in seguito all’arresto di don Michele Barone, accusato di abusi sessuali durante esorcismi che svolgeva senza averne titolo, e a un dossier sul comportamento morale di altri sacerdoti della diocesi. “Il vescovo – prosegue il comunicato – non è stato convocato a Roma da organismi vaticani. In ordine a tutti gli altri fatti di cui si narra, ordinariamente con molta approssimazione, a tempo opportuno per ciascun caso, sulla base delle effettive evidenze, sono stati applicati i provvedimenti ritenuti validi secondo le leggi canoniche”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy