Lavoro: mons. Santoro (Taranto), “nei territori si sta diffondendo lo stile della sinodalità”

(da Salerno) “Si sta espandendo a livello territoriale, nelle varie diocesi, lo stile e il metodo di comunione e sinodalità vissuto nella Settimana sociale, a Cagliari”. Lo ha detto mons. Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e presidente della Commissione episcopale per il lavoro e i problemi sociali, intervenendo, questa mattina, a Salerno al terzo seminario nazionale di Pastorale sociale, organizzato dall’Ufficio nazionale della Cei. “Bisogna dare una declinazione concreta a questo stile, portandolo avanti non solo come valore ma strutturandolo”, ha sottolineato il presule che ha annunciato la “disponibilità di vescovi che non erano a Cagliari a fare incontri con la pastorale giovanile, del lavoro e la consulta laicale delle loro diocesi. Si è messo in moto un cambiamento”. L’esito auspicato è quello di “un lavoro degno inseparabile dai volti delle persone”. Uno stile sinodale che rivive anche nei rapporti tra la commissione episcopale e la Caritas, già avviato con un incontro prima della Settimana sociale. “La Caritas è pienamente contemplata e insieme si è pensato un cammino con le commissioni nazionali, a livello locale entra nel nostro orizzonte – ha aggiunto mons. Santoro –, ma bisogna evitare di entrare nell’ottica delle emergenze. Il nostro impegno non è solo quello di curare le emergenze ma la struttura di un lavoro degno”. Rispondendo alla domanda su come far vivere nella realtà lo spirito della Laudato si’, il vescovo ha spiegato che “l’attenzione alla custodia della casa comune è importante che entri nell’itinerario catechetico. Si tratta di un lavoro educativo”. “Ambiente e lavoro – ha concluso – sono prospettive della nuova evangelizzazione con l’ottica di rispettare qualcosa che ci è dato”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori