Pasqua: mons. Mansi (Andria), “la Chiesa è dove si spezza il pane, dove si vive l’Amore”

“La fede non è un’avventura privata. La fede è un fatto comunitario, di famiglia, di popolo. La fede nasce laddove c’è un pane che si spezza”. Lo scrive il vescovo di Andria, mons. Luigi Mansi, nel suo messaggio di auguri per la Pasqua. Il presule sottolinea l’importanza dell’Eucarestia domandandosi: “Dov’è il Risorto? Visto che non è più nella tomba, dov’è? È presente e vivo proprio in quel pane che si spezza sull’altare”, risponde. Allo stesso modo il vescovo si chiede “Dov’è la Chiesa?”, se “il Risorto è presente, vivo e vero, anche nella comunità ecclesiale”. “La Chiesa è laddove si spezza il pane – aggiunge -. Per cui può accadere che noi dentro un luogo sacro potremmo anche non essere Chiesa. Il fatto di stare dentro un luogo sacro vuol dire tanto ma forse può anche non voler dir proprio niente. La Chiesa è laddove si spezza il pane, laddove si vive l’Amore”. Guardando nelle “nostre case”, il vescovo, che celebrerà in cattedrale la Messa di Pasqua domenica 1° aprile alle 11.30, afferma che “se si spezza il pane del perdono e della solidarietà, allora c’è il Risorto, ma se il nostro pane non si spezza perché si accumula e si ammassa nei nostri granai e non c’è lo sforzo dell’Amore, del perdono, della condivisione, allora vuol dire che il Venerdì Santo non è ancora finito, non è ancora passata l’ora della croce e della sofferenza per tanti nostri fratelli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa