Acqua: Coldiretti, in Italia “quasi 9 litri di pioggia su 10 sono perduti”. “Servono interventi di risparmio e recupero”

“È necessario passare dalla gestione dell’emergenza con enorme spreco di risorse, per abbracciare una nuova cultura della prevenzione in una situazione in cui quasi 9 litri di pioggia su 10 sono perduti”. Lo afferma la Coldiretti in occasione della Giornata mondiale dell’acqua. “L’Italia è un Paese piovoso con circa 300 miliardi di metri cubi d’acqua che cadono annualmente, ma – osserva Coldiretti – per le carenze infrastrutturali se ne trattengono solo l’11%”. “Il 2017 è stato l’anno più siccitoso dal 1800 con il 27% di precipitazioni in meno in Italia”, secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Isac-Cnr. “Crescita delle temperature, sfasamenti stagionali e soprattutto modificazione della distribuzione e aumento dell’intensità delle piogge sono effetti dei cambiamenti climatici che – sostiene Coldiretti – richiedono interventi strutturali”. “Di fronte alla tropicalizzazione del clima per continuare a sostenere l’agricoltura di qualità occorre organizzarsi per raccogliere l’acqua nei periodi più piovosi e servono – sottolinea l’associazione – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini e utilizzando anche le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere l’acqua piovana”. “Gli agricoltori – conclude Coldiretti – sono già impegnati a fare la propria parte per promuovere l’uso razionale dell’acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l’innovazione con colture meno idro-esigenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo