Maltempo: Alleanza coop agricole, “danni per 500 milioni, a rischio anche la vendemmia del 2018”

Il brutto tempo di queste ore sta davvero mettendo in ginocchio l’agricoltura dello Stivale. Stando alle stime rese note dalla Alleanza delle cooperative agroalimentari (che raccoglie tutte le sigle più significative della cooperazione agricola italiana), i danni che è già possibile conteggiare arrivano ormai a 500 milioni di euro. A causare tutto tre elementi avversi: il gran freddo, le piogge gelate e le intense nevicate. Le aree più colpite sembrano essere – spiega una nota –, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia e Veneto. Ma anche le altre Regioni agricole italiane non sono esenti da danni. “Se la frutta stagionale è al riparo – spiega l’Alleanza della cooperative –, perché già è stata raccolta, gelo e neve hanno bruciato oltre il 30% della produzione orticola (tra questa broccoli, verza, finocchi, carciofi) in Puglia, Campania, Lazio, Emilia Romagna, Liguria, Sardegna, alta Toscana, Lombardia e Veneto. Altri danni arrivano dalle serre, il peso della neve ne ha fatto collassare oltre il 15%”.
Colpita anche la zootecnica. “Lo stress da freddo – prosegue la nota –, ha ridotto la produzione di latte ovino e caprino di oltre il 20%. Forte l’impennata dei costi di energia sostenuti dalle imprese. Notevoli, anche se a macchia di leopardo, i disagi per il ritiro del latte fresco. A rischio oltre il 35% degli alberi da frutta già in fiore per il gennaio insolitamente caldo”.
Ma non basta, perché sempre secondo le osservazioni condotte dalla rete delle cooperative in agricoltura, altri danni potrebbero farsi sentire più avanti. Le condizioni climatiche pesanti, infatti, “rischiano di avere una lunga coda sui vigneti e i pescheti che potrebbero subire ripercussioni per la prossima vendemmia perché già stressate da una estate molto torrida”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy