Papa a Pietrelcina: “non spendete tempo a litigare tra voi”, “un popolo che litiga tutti i giorni non cresce”

“Voi annoverate san Pio tra le figure più belle e luminose del vostro popolo”. È il tributo del Papa ai fedeli di Pietrelcina. “Questo umile frate cappuccino ha stupito il mondo con la sua vita tutta dedita alla preghiera e all’ascolto paziente dei fratelli, sulle cui sofferenze riversava come balsamo la carità di Cristo”, ha proseguito Francesco nel suo primo discorso del viaggio in onore del santo: “Imitando il suo eroico esempio e le sue virtù, possiate diventare voi pure strumenti dell’amore di Gesù verso i più deboli. Al tempo stesso, considerando la sua incondizionata fedeltà alla Chiesa, darete testimonianza di comunione, perché solo la comunione edifica e costruisce”. “Un popolo che litiga tutti i giorni non cresce, non si costruisce”, ha ammonito il Papa a braccio: “È un popolo malato e triste. Invece un popolo che cerca la pace e dove le persone si vogliono bene, non si augurano del male, anche se un paese è piccolo si allarga e diventa forte”. “Non spendete tempo a litigare tra voi”, il monito sempre fuori testo: “Questo non ti fa crescere, non ti fa camminare! Pensate a un bambino che piange, piange e non vuole muoversi dalla sua culla. Quando lo porta perché incomincia a gattonare, il bambino piange e torna lì. Quel bambino saprà camminare? No, perché è sempre nella culla. Se un paesino litiga, litiga, litiga, sarà capace di crescere? No. Per favore, pace fra voi, comunione fra voi. E se a qualcuno di voi viene voglia di chiacchierare, mordetevi la lingua, si gonfierà ma vi farà bene all’anima”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy