Embraco: Calenda, licenziamenti inaccettabili. Incontro con azienda e lavoratori

“Licenziamenti inaccettabili”. È in questo modo che oggi il ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, ha sintetizzato la posizione del Governo sul caso della Embraco di Riva di Chieri (Whirlpool ). Il Ministro ha spiegato: “È inaccettabile una cosa diversa dal ritiro dei licenziamenti. Li ho sentiti in conference call ieri sera. Bisogna dare il tempo di verificare le ipotesi di reindustrializzazione. Vediamo come va avanti”. Calenda, a Torino per un incontro sul piano industria 4.0, ha incontrato a sera i lavoratori e l’azienda per tentare di arrivare ad una soluzione. La Embraco produce compressori per frigoriferi nello stabilimento di Riva di Chieri (Torino) ed è dall’ottobre scorso in crisi per la decisione di spostare la produzione in altri aree. Qualche giorno fa la Whirlpool ha confermato il licenziamento di 497 lavoratori su 537.
Dal lungo incontro – che è stato seguito da qualche centinaio di lavoratori schierati fuori dalla Prefettura -, è trapelato, stando ai sindacati, che “il Governo non vuole un nuovo rinvio, vuole chiudere stasera la partita Embraco, il ministro Calenda vuole una risposta entro stasera dall’azienda. Il confronto va avanti e questo per noi è uno spiraglio positivo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa