Lavoro: Costalli (Mcl), “intesa siglata in Germania un passo avanti per la flessibilità”

“Un passo avanti importante verso la flessibilità dei lavoratori, un modello che molti sindacati ed aziende europee dovrebbero prendere come riferimento”. Così il presidente del Movimento cristiano lavoratori (Mcl), Carlo Costalli, ha commentato l’intesa-pilota siglata in Germania dal sindacato Ig-Metall e dalla Federazione degli industriali Südwestmetall. “Per la prima volta è il lavoratore ad avere la possibilità di scegliere la riduzione del proprio orario di lavoro per conciliarlo al meglio con la propria famiglia, i propri impegni, la propria salute”, aggiunge Costalli, secondo cui “il tema della flessibilità, quindi, non è più subìto dal lavoratore, ma diventa una scelta libera e non condizionata dalle scelte delle aziende. Insomma, un accordo che mette al centro la persona e valorizza anche un sindacato riformista”. “Certo in Italia è ancora prematuro, per una serie di motivi noti, seguire nell’immediato questa strada – osserva il presidente di Mcl – ma ritengo non sia impossibile iniziare almeno un percorso per valutare nuove relazioni industriali su cui misurare anche il livello di riformismo, sia delle associazioni dei lavoratori sia delle organizzazioni sindacali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy