This content is available in English

Danimarca: Stig Hansen (Medici cattolici), “rispettare il diritto all’obiezione di coscienza”

“È importante che il diritto di un medico di seguire la propria coscienza sia riconosciuto come un principio generale”. Lo ha scritto John-Erik Stig Hansen, presidente dell’Associazione dei medici cattolici, in una nota inviata all’Associazione medica danese che sta rivedendo il suo codice etico. L’associazione cattolica valuta positivamente la proposta di testo che ha “solide fondamenta nella tradizione medica danese e nei sani valori umanistici”, ma segnala questa “lacuna”, particolarmente significativa per i medici cattolici che “già in una serie di circostanze” hanno avuto “opinioni in contrasto con la maggioranza della società”. “Il sostegno al rifiuto del singolo medico di coinvolgimento in attività eticamente inaccettabili può essere rinforzato dall’esplicita affermazione del rispetto come un principio di etica medica”, scrive il medico danese. Il diritto all’obiezione di coscienza è per altro stabilito nella risoluzione 1763 del Consiglio d’Europa del 2010 ed è parte della legge danese sulla salute che prevede per gli operatori sanitari il diritto di astenersi nel caso di interruzione della gravidanza, sottolinea Stig Hansen. La richiesta dell’associazione cattolica è che questo principio del rispetto per “l’integrità etica del medico” sia esteso a tutti gli ambiti del lavoro medico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo