Media e minori: Save the Children, “oltre la metà di bambini e bambine italiani di 6-10 anni usa abitualmente la rete”

“Otre la metà dei bambini e bambine italiani di 6-10 anni usa abitualmente la rete. La percentuale delle bambine che accede a Internet al Nord è maggiore di 10 punti percentuali rispetto al Sud”. È quanto emerge dall’indagine di Save the Children “Che genere di tecnologie? Ragazze e digitale tra opportunità e rischi”, diffusa oggi alla vigilia del “Safer Internet day”. “Le ragazze superano leggermente i coetanei maschi in competenze digitali, per loro però ancora poche opportunità di studio e professionali nelle materie tecnologiche e molti rischi on-line”. L’indagine, che parte da un’elaborazione di dati realizzata da Istat per Save the Children, analizza una “generazione di bambine e bambini cresciuta utilizzando la rete pressoché quotidianamente e considerando il web un vero e proprio spazio di socializzazione”. La rilevazione conferma come “l’accesso a internet di bambine e bambini avvenga in età sempre più giovane. Proprio nella fascia 6-10 anni, infatti, i bambini usano la connessione da casa nel 54% dei casi, le bambine nel 53%, percentuale che sale con il crescere dell’età, per aver il suo apice tra i 15 e i 17 anni, con rispettivamente il 93,5% delle ragazze e il 94,2% dei ragazzi connessi”. Numerose le famiglie (il 94%) con almeno un minore di 18 anni, che dispone di una connessione da casa. “Si passa infatti dal 96,4% di famiglie con accesso a Internet nel Nord-Ovest (95,5% Nord-Est), al 95,3% al Centro, fino a arrivare al 90% al Sud e al 93,5% delle Isole. Ma il divario si accentua soprattutto per le bambine e le ragazze, che accedono a Internet in percentuale minore al Sud (75,5%) rispetto, ad esempio, al Nord Ovest (85,8%) con una differenza di 10,3 punti percentuali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy