Inclusione sociale: presentato a Roma il “Forum disuguaglianze diversità”

Avviare processi virtuosi per ridurre le disuguaglianze di ricchezza, di reddito e di lavoro, nell’accesso e nella qualità dei servizi essenziali e nella partecipazione alle decisioni. Questo l’obiettivo che si pone il Forum disuguaglianze diversità, presentato questa mattina a Roma. Nato nel 2015 da un’idea della Fondazione Basso, il Forum è promosso da ActionAid, Caritas italiana, Cittadinanzattiva, Dedalus cooperativa sociale, Fondazione Basso, Fondazione di comunità di Messina, Legambiente e Uisp. “Di fronte alla crescita smisurata delle diseguaglianze in Italia – ha spiegato il presidente della Fondazione Basso, Franco Ippolito – siamo convinti che è possibile sgretolare il senso comune di rassegnazione. Le alternative ci sono. Le disuguaglianze nascono da scelte politiche fatte negli anni passati, ma noi insieme possiamo costruire un progetto diverso”. I promotori del progetto hanno sottolineato come negli ultimi dieci anni la povertà assoluta sia aumentata del 140%. Un dato questo legato alla crescita delle diseguaglianze sul territorio nazionale. “Le diseguaglianze economiche, sociali e di riconoscimento che sono assai elevate nel nostro Paese – affermano le organizzazioni che sostengono il Forum –, colpiscono in maniera particolare le donne e minacciano il futuro dei giovani. Le disuguaglianze hanno una forte dimensione territoriale, con faglie fra periferie e centri delle città, fra aree interne e urbane. Il rischio è che diseguaglianze e degrado inneschino la trappola del sottosviluppo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy