Diocesi: Aversa, sospeso per un anno don Michele Barone per i suoi esorcismi

È stato sospeso per un anno dal ministero pubblico il sacerdote don Michele Barone. Lo comunica con una nota la diocesi di Aversa, che annuncia la decisione del vescovo, mons. Angelo Spinillo. Il presule “dopo un tempo di attenta valutazione delle segnalazioni arrivate circa l’operato del sacerdote, che ha turbato gravemente i fedeli in ragione di alcune pratiche di esorcismo, ha ritenuto opportuno il provvedimento”. Il sacerdote di Casapesenna era finito al centro di una polemica per le pratiche che adottava, dopo un servizio della trasmissione televisiva “Le Iene”. Il vescovo nel decreto rende noti i motivi della sospensione. A don Barone viene contestato di essere stato “fonte di grave turbativa presso i fedeli a ragione della pratica di strane preghiere di esorcismi da lui compiuti nei confronti di minori e di persone da lui definite ‘possedute’”. “Nonostante l’ammonizione, don Barone ha continuato a praticare preghiere di esorcismo particolarmente nei confronti di una ragazza minorenne e con serie problematiche personali” e “ha tenuto comportamenti inadeguati allo stato sacerdotale”. La nota si conclude con un invito alla preghiera. “Invitiamo tutti i fedeli a essere uniti intorno a mons. Angelo Spinillo e alla nostra Chiesa in questo tempo di prova”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy