Papa Francesco: a Santa Sabina, “fermati, guarda e ritorna”. No all’“obbligo di vivere in modo accelerato”

“Fermati, guarda e ritorna”: “Tre parole” per “riscaldare il cuore del credente”, in un tempo come la Quaresima “prezioso per smascherare” le “tentazioni”. Ad offrirle, sotto forma di meditazione, è stato il Papa all’Aventino, nella messa per l’imposizione delle Ceneri celebrata questo pomeriggio a Santa Sabina. “Fermati un poco, lascia questa agitazione e questo correre senza senso che riempie l’anima dell’amarezza di sentire che non si arriva mai da nessuna parte”, il primo imperativo per ciascuno di noi: “Fermati, lascia questo obbligo di vivere in modo accelerato, che disperde, divide e finisce per distruggere il tempo della famiglia, il tempo dell’amicizia, il tempo dei figli, il tempo dei nonni, il tempo della gratuità… il tempo di Dio. Fermati un poco davanti alla necessità di apparire ed essere visto da tutti, di stare continuamente ‘in vetrina’, che fa dimenticare il valore dell’intimità e del raccoglimento. Fermati un poco davanti allo sguardo altero, al commento fugace e sprezzante che nasce dall’aver dimenticato la tenerezza, la pietà e il rispetto per l’incontro con gli altri, specialmente quelli vulnerabili, feriti e anche immersi nel peccato e nell’errore. Fermati un poco davanti alla compulsione di voler controllare tutto, sapere tutto, devastare tutto, che nasce dall’aver dimenticato la gratitudine per il dono della vita e per tanto bene ricevuto. Fermati un poco davanti al rumore assordante che atrofizza e stordisce i nostri orecchi e ci fa dimenticare la potenza feconda e creatrice del silenzio. Fermati un poco davanti all’atteggiamento di fomentare sentimenti sterili, infecondi, che derivano dalla chiusura e dall’autocommiserazione e portano a dimenticare di andare incontro agli altri per condividere i pesi e le sofferenze. Fermati davanti al vuoto di ciò che è istantaneo, momentaneo ed effimero, che ci priva delle radici, dei legami, del valore dei percorsi e di saperci sempre in cammino. Fermati per guardare e contemplare!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo