Belgio: Bruxelles, al via raccolta di Bibbie in tutte le lingue per i detenuti delle carceri cittadine

Bibbie dietro le sbarre: da oggi, mercoledì delle ceneri, la Chiesa di Bruxelles raccoglie Bibbie in tutte le lingue per le prigioni cittadine. “In carcere – spiega un comunicato – i detenuti chiedono di avere una Bibbia per saperne di più su Gesù. Come parte del percorso proposto dal cappellano cattolico, sia la preghiera sia la lettura della Bibbia sono centrali. I cappellani delle carceri di Bruxelles continuano a cercare modi creativi per raggiungere le persone dietro le sbarre nella loro lingua materna, attraverso la Bibbia”. Tuttavia si tratta di una sfida pastorale, poiché è complicato trovare o acquistare un numero sufficiente di Bibbie, in diverse lingue. Per sostenere il servizio svolto dalle cappellanie carcerarie con un’azione di raccolta delle Bibbie, il vicariato di Bruxelles invita i fedeli ad offrire una o più Bibbie (Nuovo Testamento e/o Vecchio Testamento, Salmi) in quante più lingue possibile. Nelle chiese o in altri luoghi di ritrovo verrà allestita un’apposita “Boîte à Bible” dove depositare i volumi da donare. In alternativa le Bibbie potranno essere inviate all’attenzione di Hellen Mardaga, Centre Pastorale, 14 rue de la Linière, 1060 Bruxelles. Il culmine dell’azione sarà durante la Settimana Santa, ma la raccolta prende il via oggi e durerà fino a Pentecoste (20 maggio). Info: commu@catho-bruxelles.be.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo