Notizie Sir del giorno: video Papa su corruzione, danni chiese Messico, sentenza immagini sacre, razzismo e xenofobia, cellule riprogrammate

Papa Francesco: dedicato alla lotta contro la corruzione il “video” di febbraio per le intenzioni di preghiera

È dedicato alla lotta contro la corruzione “The Pope video” con l’intenzione di preghiera di Papa Francesco per febbraio 2018. Realizzato ogni mese da Vatican Media (Segreteria per la Comunicazione) insieme alla Rete mondiale di preghiera del Papa, il video di febbraio, in spagnolo e intitolato “No a la corrupciòn”, è prodotto per la prima volta con la collaborazione di un organismo della Curia romana, nella fattispecie il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale, e costituisce una tappa del percorso avviato dallo stesso Dicastero il 15 giugno 2017 con il dibattito internazionale sulla corruzione, tenutosi presso la Pontificia Accademia delle Scienze – Casina Pio IV. A presentarlo oggi pomeriggio alla stampa nella sede del Dicastero sono il cardinale prefetto Peter Turkson; p. Frédéric Fornos, direttore internazionale della Rete mondiale di preghiera; Flaminia Giovanelli, sottosegretario del Dicastero. (clicca qui)

Messico: rapporto della Conferenza episcopale, gli edifici sacri danneggiati dal terremoto sono 1.850 in 26 diocesi

Sono 1.850 le chiese e gli edifici sacri danneggiati dal terremoto e da altri fenomeni naturali che lo scorso settembre hanno colpito il Messico. Lo rivela uno studio elaborato dalla segretaria generale della Conferenza episcopale messicana (Cem) attraverso il proprio Osservatorio nazionale. “Questo lavoro – spiega il segretario generale della Cem, mons. Alfonso Gerardo Miranda Guardiola – ha due scopi: il primo è fornire informazioni sul numero di edifici, intesi anche come immobili storici e non storici della Chiesa cattolica in Messico, che hanno registrato danni sensibili a causa dei fenomeni atmosferici. Il secondo obiettivo è quello di fare una riflessione sull’importanza delle chiese nella vita dei messicani e sulle ripercussioni che la loro rovina o distruzione comporta”. Secondo lo studio, gli edifici danneggiati sono ubicati in 26 delle 95 diocesi del Paese. (clicca qui)

Lituania: sentenza Corte Strasburgo su immagini sacre. Vescovo Grusas, “profanazione immagini di Gesù e Maria a scopo commerciale”

“La decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo dà la possibilità alle imprese di trarre profitto a scapito della dignità di altri membri della società”. Risponde con una dichiarazione l’arcivescovo di Vilnius, mons. Gintaras Grusas, presidente dei vescovi lituani, alla sentenza della Corte che il 30 gennaio ha considerato non lesiva della morale pubblica il fatto che la compagnia Sekmadienis Ltd. in una campagna pubblicitaria del 2012 avesse usato immagini e parole riferite a Gesù e Maria. Grusas riprende l’opinione del giudice De Gaetano, annessa alla sentenza, che precisa come questa non dia “carta bianca all’uso di simboli religiosi, qualunque sia il mezzo, il contesto o il messaggio che si intende trasmettere”. (clicca qui)

Malta: vescovi “accolgono con gioia” proposta per Incontro di riflessione e spiritualità per la pace nel Mediterraneo

“La Chiesa a Malta e Gozo accoglie con gioia la recente notizia che la Conferenza episcopale italiana sta lanciando un ‘Incontro di riflessione e di spiritualità per la pace nel Mediterraneo’, con la partecipazione di vescovi cattolici dei Paesi del bacino del Mediterraneo” per “non permettere che le grida e le speranze dei poveri anneghino e siano sepolte nel Mediterraneo”. Lo scrivono i vescovi di Malta e Gozo, Charles J. Scicluna e Mario Grech, in una dichiarazione in cui si denuncia il fatto che, “nonostante le promesse fatte dai leader dei Paesi europei di rispondere concretamente ai bisogni di immigrati e rifugiati”, sembra ci sia “poca volontà politica di prendere urgentemente in considerazione questa causa di grande valore”. L’iniziativa della Chiesa italiana è perciò ben accolta anche perché aiuterà lo “scambio di culture e popoli e a destare l’Europa perché abbracci i poveri che stanno bussando alle sue porte”. (clicca qui)

Razzismo e xenofobia: don Ciotti (Libera), “sintomo di una democrazia malata e di una politica che serve poco il bene comune”

“Il fascismo che riemerge è sintomo di una democrazia malata, o per lo meno pallida, nel nostro Paese e di una politica che serve poco il bene comune”. Lo ha detto il presidente di Libera, don Luigi Ciotti, in occasione della presentazione, oggi a Roma, dell’appello “Mai più fascismi”, sottoscritto da 23 tra movimenti, associazioni, partiti e sindacati. “In un tempo in cui dominano le disuguaglianze e le logiche economiche sulle teste e sulle vite delle persone, i discorsi demagogici, che approfittano della fragilità di tante storie e di tante persone, hanno gioco facile – ha aggiunto -. Quei discorsi fanno appello a identità chiuse, ai muri, ai confini fortificati, a quei concetti scientificamente infondati che sono state le cause, in passato, di tragedie come quelle di razza che ricordiamo. Questi sono i segnali che inquietano”. E l’antidoto, secondo don Ciotti, è nella Costituzione. (clicca qui)

Salute: Ospedale Bambino Gesù, trattato e dimesso il primo paziente con “cellule riprogrammate” contro il tumore

Manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore. È quello che hanno fatto i medici e i ricercatori dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma con un bambino di 4 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario alle terapie convenzionali. Si tratta del primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario all’interno di uno studio accademico, promosso da ministero della Salute, Regione Lazio e Airc. Ad un mese dall’infusione delle cellule riprogrammate nei laboratori del Bambino Gesù, il piccolo paziente sta bene ed è stato dimesso: nel midollo non sono più presenti cellule leucemiche. (clicca qui)

Televisione: presentati i due nuovi episodi di “Montalbano”, in onda il 12 e 19 febbraio su Rai Uno

Presentati questa mattina i nuovi episodi del “Commissario Montalbano” – “La giostra degli scambi” e “Amore” – che andranno in onda su Rai Uno in prima tv il 12 e il 19 febbraio. Una produzione sempre Palomar di Carlo Degli Esposti con Rai Fiction. Presente nella sede Rai di viale Mazzini tutto il cast artistico e la produzione, insieme ai vertici Rai Angelo Teodoli (Direttore Rai Uno) ed Eleonora Andreatta (Direttore di Rai Fiction). “Siamo arrivati a 32 episodi, 32 film, nel corso di questi 20 anni”, ha dichiarato la Andreatta. “Possiamo dire che con ‘Il commissario Montalbano’ è nata Rai Fiction. Montalbano indica la qualità delle nostre produzioni, l’evoluzione compiuta in questi due decenni. Una serie di film che abbiamo esportato in più di 60 Paesi nel mondo”. Il commissario di Vigata “è un’immagine positiva, come uomo e come poliziotto: insegue la verità e si spende per dare giustizia ai morti”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo