Irlanda: conclusa assemblea plenaria. Vescovi, “sinodalità e discernimento possano permeare la Chiesa anche in futuro, a livello locale e universale”

Numerosi i temi che i vescovi irlandesi hanno affrontato nella loro assemblea plenaria d’inverno a Maynooth che si è conclusa nella serata di ieri, 5 dicembre. Oltre alla questione Brexit e al dibattito in corso in parlamento sull’aborto, si è parlato di Sinodo sui giovani: la domanda di fondo è come “sinodalità e discernimento possano permeare la Chiesa anche in futuro a livello locale e universale”. Dai vescovi pieno sostegno al mese missionario straordinario indetto da Papa Francesco per l’ottobre 2019, nella speranza che “possa offrire una opportunità per un rinnovato spirito di partecipazione alla vocazione missionaria della Chiesa, che è al cuore della nostra identità”. Inoltre i vescovi invitano a sostenere le iniziative caritative dell’Avvento di Trócaire per le persone colpite dalle guerre in Yemen e Sud Sudan: “Siamo profondamente preoccupati per l’aggravarsi della crisi nello Yemen, dove otto milioni di persone sono a rischio di carestia”, scrivono i vescovi denunciando che “le vite di milioni di persone sono state messe a rischio con azioni di leader che si impegnano in conflitti senza prendersi cura delle vite dei civili”. Allo stesso modo “oltre 4,5 milioni di persone sono sfollate per i combattimenti nel Sud Sudan”, l’85% sono donne e il 65% bambini, vittime di un conflitto che “non ha ricevuto adeguata attenzione dai media del mondo”. Tra le iniziative dell’Avvento anche la quinta edizione del calendario interattivo on-line.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia