Scuola: i ministri Costa e Bussetti firmano Protocollo per l’educazione ambientale. Destinati subito agli istituti 1,3 milioni di euro

(Foto: Presidenza del Consiglio dei ministri)

Ammontano a 1,3 milioni di euro le prime risorse destinate alle istituzioni scolastiche italiane a seguito del Protocollo per l’educazione ambientale sottoscritto in mattinata dal ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, e dal ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Sergio Costa. L’obiettivo dell’atto firmato al Miur è quello di “elaborare un Piano nazionale per l’educazione ambientale nelle scuole italiane di ogni ordine e grado per sensibilizzare bambini e ragazzi, fin da giovanissimi, su temi come la sostenibilità ambientale e la qualità dello sviluppo. In un’ottica di cittadinanza attiva”.
Tra le azioni previste, percorsi di educazione ambientale per gli studenti, progetti e attività a supporto delle iniziative autonome delle scuole, programmi di formazione e aggiornamento per docenti e Ata. “Saranno favoriti – si legge in una nota – interventi per la qualificazione degli spazi educativi e degli edifici scolastici, nel rispetto della sostenibilità ambientale e di una migliore efficienza energetica. Saranno promosse azioni e iniziative che favoriscano lo sviluppo di curricula e di esperienze scuola-lavoro nel settore della green economy. Nonché esperienze didattiche sul campo e viaggi d’istruzione in contesti naturali, quali le aree protette italiane e alle aree di interesse naturalistico”.
“Con l’accordo che sigliamo oggi, puntiamo a creare una collaborazione strutturata fra i nostri ministeri e a definire un Piano di interventi concreti, che non resteranno sulla carta, per consentire ai nostri studenti di entrare in contatto da subito e in maniera attenta e consapevole con l’ambiente”, ha assicurato Bussetti. “Questo Protocollo – ha sottolineato Costa – segna un sentiero da costruire insieme. Noi dobbiamo fare in modo che chi si affaccia alla vita abbia subito un pensiero ambientale, visto che la nostra generazione ha fallito su questo. Formare nell’ambiente vuol dire costruire il futuro del nostro pianeta”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa