Regno Unito: Brexit, prosegue il dibattito a Westminster. I giornali popolari attaccano la May, “Debole e in lacrime, ormai senza autorità”

(Londra) Il secondo giorno di dibattito sulle 585 pagine di accordo che Theresa May ha concordato con Bruxelles è dedicato al tema della sicurezza anche se a Westminster la vera discussione è su quanto sicura sia nel suo incarico la premier dopo le tre sconfitte di ieri. Un’incertezza espressa dai titoli dei giornali di oggi. “Umiliazione di dimensioni storiche della premier”, secondo il “Daily Telegraph”; “Debole e in lacrime, ormai senza autorità” la May secondo il “Daily Mirror”. Eppure per il “Daily Express” “l’accordo dell’instancabile May è l’unica garanzia che Brexit ci sia davvero”. Un filo di speranza, insomma, offerto da una delle disfatte di ieri che il primo ministro potrebbe sfruttare a proprio vantaggio. Quell’emendamento che rimanda al parlamento qualsiasi decisione, nel caso l’accordo venga respinto martedì, ottenuto dal dissidente Tory Dominic Grieve con 321 voti favorevoli e 299 contrari, in teoria è una camicia di forza per il primo ministro. In realtà apre scenari poco graditi agli estremisti della Brexit come la possibilità di un secondo referendum o nuovi negoziati per un patto stile Norvegia. D’altra parte i sostenitori della permanenza nella Ue, ai quali non piace il recesso stile May, potrebbero decidere di votare per la premier, spaventati dalla prospettiva di una rottura netta con l’Europa. La sconfitta ci sarà, insomma, martedì ma potrebbe essere meno grave del previsto.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa