Nicaragua: attacco del presidente Ortega ai vescovi, “non hanno niente di cristiano, agiscono da terroristi”

“Non hanno niente di cristiano e agiscono con una mente criminale, da terroristi”. Così il presiedente del Nicaragua, Daniel Ortega, ai vescovi della Conferenza episcopale nicaraguense (Cen) in seguito alla diffusione del Messaggio per l’Avvento, nel quale i pastori rivolgono ancora una volta un appello per la ripresa del dialogo tra le parti, a oltre sette mesi dall’inizio delle manifestazioni popolari e democratiche contro il Governo. Un messaggio che ha però suscitato la reazione del presidente, che attraverso i suoi fedelissimi da mesi ormai reprime le proteste e rivolge attacchi e intimidazioni alla Chiesa. Mai, però, Ortega era arrivato ad attaccare in modo così duro l’episcopato. Parlando al’Unione nazionale degli studenti del Nicaragua, il presidente ha detto che i vescovi, in seguito all’invito del Governo a essere mediatori del Dialogo nazionale, “sono venuti meno a questo ruolo e sono passati a essere parte attiva delle forze golpiste”. Secondo Ortega, “i vescovi non hanno nulla a che vedere” con Gesù Cristo e “non conoscono” la sua parola. “Speriamo – ha infine ironizzato – che la stella di Betlemme dia loro un po’ di luce”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa