Medio Oriente: Patriarchi cattolici ai giovani, “siate il cuore dei vostri Paesi, artigiani della loro storia, qualunque sia la crudeltà dei tempi e degli uomini”

“Davanti alle difficoltà e alle sfide che affrontate a causa della situazione in Medio Oriente e per l’emorragia dell’emigrazione che minaccia il vostro avvenire e la presenza cristiana in tutto l’Oriente, siamo al vostro fianco e condividiamo il vostro dolore. Puntiamo insieme a voi a un domani brillante che potrebbe non esserci senza la vostra presenza. Vi assicuriamo che lavoreremo insieme affinché possiate resistere e restare nella vostra terra”: è quanto scrivono i Patriarchi cattolici d’Oriente al termine della loro 26ª riunione che si è svolta a Baghdad, dal 26 al 30 novembre e dedicata ai giovani come “segno di speranza in Medio Oriente”. Nel comunicato finale, diffuso oggi dal Patriarcato caldeo della capitale irachena, i patriarchi esortano i giovani a “restare saldi nella fede e nelle loro terre” e al tempo stesso a “contribuire alla costruzione” dei loro Paesi. “Siamo un piccolo numero – affermano i Patriarchi ripetendo quanto già scritto in una loro lettera diffusa a Pentecoste di quest’anno – Cristo ci dice che siamo ‘sale, luce e lievito’, e noi siamo una Chiesa di martiri. Credete e amate come Dio ama tutta la sua creazione. Siate credenti forti nel vostro amore e costruttori delle vostre terre d’origine con tutti i vostri compatrioti, partecipando alle sofferenze e ai sacrifici, per assicurare prosperità e vita. Siate il cuore dei vostri Paesi, artigiani della loro storia, qualunque sia la crudeltà dei tempi e degli uomini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa