Diocesi: Caritas Bolzano-Bressanone, “sotto l’albero mettiamo regali solidali per raddoppiare la gioia del dono”

“Sotto l’albero, quest’anno, mettiamo anche galline, caprette e ancora api, pacchi per le famiglie, sementi, pasti caldi o legna da ardere”. La proposta arriva dalla Caritas di Bolzano-Bressanone che anche quest’anno promuove i “regali solidali”. Si tratta di regali che raddoppiano la gioia: gioia per il destinatario del dono e gioia per le persone bisognose che vivono in Alto Adige o in altri Paesi più poveri del mondo, che li ricevono concretamente. La scelta è assai varia. In Africa si possono donare caprette, buoi, asinelli, api, kit scolastici, alberelli da frutto e pozzi per aiutare le famiglie a contrastare la fame e garantire l’istruzione. In Bolivia, invece, un paio di buone scarpe permetterà ai bambini di percorrere i lunghi sentieri che portano a scuola e in Serbia un metro cubo di legna da ardere aiuta tanti anziani poveri o persone disabili a superare il gelido inverno balcanico. Ci sono, poi, i pacchetti per le famiglie bisognose dell’Alto Adige e per le persone senza fissa dimora. “Altri doni aiutano invece i profughi che – spiega il direttore Paolo Valente – non hanno trovato accoglienza in una struttura a ricevere un pasto caldo o a frequentare dei corsi di lingua che li aiuteranno nel loro percorso di integrazione e autonomia economica e lavorativa in Alto Adige”. I “Regali solidali” di Caritas possono essere acquistati online sul sito www.caritas.bz.it e dedicati a un amico, un parente oppure a partner commerciali. Per ciascun regalo acquistato, sarà inviata una mail contenente un certificato di acquisto del regalo e un pacchettino regalo in modo che sia possibile fare una dedica personale. Entrambi possono essere stampati e piegati seguendo le istruzioni. Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito oppure bonifico bancario. Il regalo vero e proprio sarà realizzato da Caritas attraverso i diversi progetti d’aiuto a persone e famiglie bisognose in Alto Adige e nel mondo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa