Marcia della pace: mons. Caiazzo (Matera), “dal Sud dell’Italia l’annuncio di seminare la pace per il bene comune”

Si sta svolgendo a Matera la Marcia nazionale per la pace, che riprende nel titolo il messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale della pace, “La buona politica è al servizio della Pace”. Durante la messa nella chiesa dell’Immacolata, l’arcivescovo di Matera-Irsina, mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, ha lanciato un messaggio di pace che parte proprio da Matera, “una città che ha avuto la forza di rialzarsi sempre, di reagire con forza e decisione a forme di devastazioni, di ingiustizie, di vergogna”. “Pace con se stessi, con gli altri, con i popoli bisognosi di essere supportati a risalire la china della legalità e della convivenza umana”. Matera viene definita “città ‘Madre’”, capace di accogliere una “umanità bisognosa di essere sostenuta, incoraggiata, condivisa nei suoi drammi e che leva il suo grido di abbandono, di sofferenza e di ingiustizia”, che “invita a fare ‘Pace’ con la casa comune, la terra, che ha bisogno di essere amata, rispettata, bonificata e non sfruttata, che “dialoga, si confronta, fa cultura aprendo i suoi scrigni pieni di uomini colti, di pensiero attuale, di proposte di vita”. Da Matera, e da tutto il Sud dell’Italia “spesso mortificato a causa della malavita organizzata”, parte infine, per bocca di mons. Caiazzo, un annuncio: “Vogliamo costruire la Pace, seminandola, coltivandola, godendola in uno scambio di relazioni umane, scrollandoci di dosso il pessimismo, il vittimismo e il piangersi addosso, che abbia come unico obiettivo: il bene comune”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia