Giovani: card. Bassetti, “vigilare perché nessuno passi sulla loro vita”

“Un giovane con il suo esempio può cambiare la vita e il mondo, proprio come ha fatto Francesco d’Assisi”. Il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha voluto ricordarlo agli animatori di comunità del Progetto Policoro, riuniti ad Assisi per il 35° Corso di formazione nazionale. “La vigna è del Signore, a noi il compito di essere dei vignaioli attenti perché è giusto che nessuno passi sulla vita dei giovani”, ha scandito il presidente della Cei che ha conferito il mandato agli animatori del primo anno, invitando anche a fare memoria di don Primo Mazzolari, il prete di Bozzolo di cui ricorre il 60° anniversario della morte, che ha dedicato la sua esistenza agli ultimi e agli umili. La messa celebrata dal card. Bassetti ha concluso la seconda giornata di lavori che si è articolata intorno alle parole condivisione e corresponsabilità. Dopo l’intervento di Ivo Lizzola, docente di pedagogia sociale e di pedagogia della marginalità e della devianza all’Università di Bergamo, si sono alternate le testimonianze di Stefania Proietti, sindaco di Assisi, ma anche professionista impegnata nel campo dell’energia e dello sviluppo sostenibile, e di Rosario Fabio Olivieri, animatore di comunità senior ed assessore alle politiche culturali, educative e giovanili di Lercara Friddi (Palermo), che ha mosso i suoi passi in politica facendo tesoro dell’esperienza maturata nel Progetto Policoro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo