Natale: mons. Piemontese (Terni), “annuncio per poveri e sofferenti, non diluirlo”

“L’annuncio del Natale viene rivolto soprattutto agli ultimi, ai poveri, ai disprezzati, a coloro che non hanno altri appoggi, ai sofferenti, agli immigrati, ai peccatori, a coloro che si sono allontanati da Dio, a coloro che si ritengono irrecuperabili, a quelli che sono privi di speranza. Non diluiamo la lieta notizia del Natale”. Lo ha detto il vescovo di Terni-Narni-Amelia, mons. Giuseppe Piemontese, nell’omelia della messa della notte di Natale che il presule ha celebrato nella cattedrale di Terni. Il vescovo ha ricordato la gioia e la speranza che viene dal Natale, la “grandezza dell’amore di Dio che diventa uomo e prende su di sé le qualità, i limiti, le sofferenze e le dinamiche di ogni uomo per farsi vicino, prossimo a ogni uomo”. “Sceglie la via e la modalità della normalità, della semplicità e povertà per invitarci all’abbandono completo a Dio”. Da mons. Piemontese poi un monito ai cristiani a “vivere pienamente e il mistero del Natale e la sua spiritualità”: “Anche quest’anno l’annuncio della nascita di Gesù si rinnova in un mondo distratto, più dedito al benessere terreno che ai valori dello Spirito e della solidarietà umana – ha aggiunto il presule -. Abbiamo conservato l’involucro del Natale senza la sostanza, l’apparenza senza la realtà, prevale l’indifferenza o il ridurre la fede ad aspetti marginali o irrilevanti per la vita reale”. Infine, l’invito a vivere il mistero del Natale come “amore incondizionato di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori