Eurobarometro: “stabile la fiducia nell’Ue”. Grande maggioranza a favore della libera circolazione dei cittadini

(Bruxelles) Secondo l’ultimo sondaggio di Eurobarometro, diffuso oggi a Bruxelles, “in tutti i 28 Stati membri la maggioranza dei rispondenti si ritiene cittadino dell’Ue: il 71% in tutta l’Unione (+1 punto percentuale dalla primavera 2018) e una percentuale variabile tra l’89 % (Lussemburgo) e il 51% (Bulgaria) a livello nazionale”. La grande maggioranza dei rispondenti sostiene la “libera circolazione dei cittadini dell’Ue” (83%, +1 punto percentuale dalla primavera 2018) e in ogni Stato membro più di due terzi dei rispondenti condividono questa opinione”. Inoltre, vent’anni dopo l’introduzione della moneta unica, “il sostegno all’Unione economica e monetaria e all’euro rimane a un livello record: nella zona euro i tre quarti dei rispondenti (75%, +1 punto percentuale) sono a favore della moneta unica dell’Unione”. La maggioranza dei cittadini dell’Ue “ritiene che la situazione economica europea sia buona (49%, in lieve calo rispetto alla primavera 2018, -1 punto percentuale), il 38% dei rispondenti ritiene che l’economia europea sia in cattivo stato (+1) e il 13% non ha un’opinione in merito”. I pareri positivi in merito alla situazione economica nazionale (49%, invariato) superano ancora quelli negativi (48%, +1) ma con un margine di un solo punto. La maggioranza dei rispondenti in 16 Stati membri dell’Ue (14 nella primavera 2018)” ritiene che la situazione economica nazionale sia buona”. I Paesi che registrano percentuali maggiori sono Malta (95%), Lussemburgo e i Paesi Bassi (entrambi al 91%). In Danimarca, Germania, Svezia (tutte e tre all’88%) e Austria (81%), più di otto rispondenti su 10 sono dello stesso parere. Le percentuali più basse si osservano in Grecia (6%), Croazia (16%), Spagna e Bulgaria (entrambe al 18%).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa