Celam: presentata la Guida per la pastorale dei diritti umani. Mons. Espinoza, “il miglior modo di proclamare il Vangelo”

Come già anticipato dal Sir, il Celam (Consiglio episcopale latinoamericano) attraverso il proprio dipartimento Solidarietà e giustizia (Dejusol) e il Segretariato Caritas del continente (Selacc), ha elaborato una nuova Guida per la pastorale dei diritti umani, che è stata presentata ufficialmente ieri. Si tratta di un testo di carattere pedagogico e didattico, che intende dare a ogni realtà ecclesiale gli strumenti per creare o rafforzare l’impegno pastorale per la vita umana e per la dignità della persona, in equilibrio con il creato.
È stato valorizzato il recente magistero del Papa e, in particolare, l’invito di Francesco di essere “Chiesa in uscita, missionaria, povera per i poveri”. Alla presentazione è intervenuto il segretario generale del Celam, mons. Juan Espinoza, vescovo ausiliare di Morelia (Messico), il quale ha detto che “l’area dei diritti umani è un terreno difficile e duro, ma credo che si tratti anche di una modalità chiara, espressiva e bella di presentare il Vangelo. Credo che la difesa dei diritti umani sia il miglior modo di proclamare il Vangelo”, tanto più in un continente come l’America Latina: “In qualsiasi luogo dove andiamo possiamo toccare con mano la diseguaglianza e la povertà che attentano alla dignità e ai diritti dell’uomo”. Il segretario esecutivo del Dejusol, Elvy Monzant, ha insistito sul fatto che “la pastorale dei diritti umani dev’essere trasversale a tutta l’azione pastorale della Chiesa, solo così si potranno superare l’autoreferenzialità e la mondanità spirituale sulle quali ci mette in guardia Papa Francesco”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa