Natale: mons. Spreafico (Frosinone), “vivetelo condividendo la vita con chi ne ha bisogno”

È indirizzato a tutta la diocesi ma si rivolge in primo luogo ai giovani e in particolare agli studenti il messaggio di Natale di mons. Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino. È un testo che parla di futuro e relazioni, collegandoli al mistero della nascita di Gesù. “Oggi ci si parla poco e ci si ascolta ancor meno”, scrive mons. Spreafico. “La solitudine fa male, addirittura aumenta la possibilità di malattia, come dimostra la ricerca medica. Donne e uomini che non si parlano, non condividono la loro vita, fanno più fatica a vivere” aggiunge. Di fronte a questa realtà, e a una diffusa cultura del risentimento, il vescovo si domanda: “Noi da che parte stiamo? Da quella dei rancori e delle rabbie? O vogliamo costruire relazioni con umanità e cortesia, ascoltandoci e parlando?”. Mons. Spreafico ricorda poi la campagna “Pianta un albero”, da lui lanciata lo scorso anno e da alimentare con “piccoli gesti e impegni di solidarietà e condivisione con tutti, soprattutto con chi soffre più di noi, italiano o straniero che sia”. Il messaggio natalizio si proietta infine verso il futuro dei lettori, cristiani e non: “Se sei cristiano, ti auguro di vivere il sogno di un futuro migliore a Natale, condividendo la tua vita con chi ne ha più bisogno, perché Gesù l’ha condivisa con noi”, scrive mons. Spreafico. E conclude: “Anche se non sei cristiano, condividi lo stesso sogno dal tuo punto di vista. Infatti, la felicità viene dal dare più che dal ricevere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo